Crea sito
NON VEDO L'ORA CHE ARRIVI LA PRIMAVERA Stampa

lory edit

Questi giorni riesco a guardare il mondo
solo con la testa e non col cuore,come mio solito,
vedo e sento cose terribili,la storia si ripete,
in tutti gli ambiti,i mass media ci dicono tutto
e il contrario di tutto…ma non ci raccontano
quello che ci servirebbe sapere.
Da quando nel giugno scorso i terroristi
hanno conquistato la seconda città dell’Iraq,
hanno distrutto migliaia di volumi,anche antichi,
delle più importanti biblioteche pubbliche e private della città.
"Incitano all’infedeltà e invocano la disobbedienza a Dio.
Per questo li bruciamo".
Ho visto il film "Storia di una ladra di libri"
non è solo sulla ferocia della guerra e del regime nazista,
la protagonista ruba un libro per salvarlo dal rogo,
si vede la folla che canta slogan e brucia libri
scritti da autori ebrei e da intellettuali di sinistra..
rubarli per la protagonista significa salvarli,
e soprattutto salvare se stessa,ma è un film
anche sulla forza dell'amore,dell'amicizia
e sul fascino della parola,del racconto,della musica
che superano il limite della morte.
Leggete il libro,guardate il film e conservate l'immagine del tuffo
nella acqua ghiacciata per salvare un libro e mostrare il proprio amore.
“La politica evita la guerra, ma l’educazione
è quella che costruisce la pace”
Lo diceva già Maria Montessori nei primi ‘900
Nelle scuole Montessoriane crescono comunità di individui
tolleranti e disponibili verso gli altri,
capaci di esprimere le proprie emozioni e capaci di ascoltare,
rispettosi e socialmente maturi. Per la libertà di tutti,
regole e limiti sono indispensabili:
i bambini li interiorizzano e li rispettano
perché sono messaggi indirettamente trasmessi dall’ambiente
e non richieste autoritarie di qualcuno.
Spesso invito i miei studenti ormai quindicenni,
al rispetto della libertà degli altri sottolineando
che la libertà personale è inversamente proporzionale
alla capacità di autogestirsi .
Non ci facciamo distrarre da chi a tutti costi ci orienta
a guardare e a discutere del rametto spezzato,
perché spesso,non vuole farci notare l’albero che sta per cadere…..
Loredana D’Amico